MIPIM da record per Progetto CMR: sei progetti presenti, di cui uno finalista ai MIPIM awards

Progetto CMR 09/03/2018 2150

Quattro giorni di fiera, 24.200 iscritti, 3.100 espositori: questi alcuni numeri dell’edizione 2018 del MIPIM, la kermesse del settore immobiliare più rinomata a livello internazionale, che si svolgerà come di consuetudine a Cannes dal 13 al 16 marzo. 

Per Progetto CMR sarà un’edizione da protagonisti, presente all’evento con sei progetti che spaziano dall’Italia alla Cina, dall’architettura alla scala urbana, dalla logistica agli uffici e allo sport.

Progetto CMR parteciperà quest’anno in qualità di partner di Greater Milan and Lombardy Region, l’iniziativa del Comune di Milano e della Regione Lombardia tesa alla promozione delle opportunità di investimento nell’area e nei cui obiettivi e principi Progetto CMR si è riconosciuta fin dalle prime fasi.

Tra i progetti presentati in questo spazio, sono quattro quelli in cui Progetto CMR è direttamente coinvolta:   

De-Castillia-UnipolSai-mipim.jpg
- De Castillia 23, la nuova sede operativa di UnipolSai Assicurazioni, nel quartiere Isola a Milano, frutto di un importante intervento di riqualificazione architettonica all’insegna della sostenibilità e dell’efficienza;

DHL-Milano-Malpensa-mipim.jpg
- DHL HUB Malpensa, il nuovo polo logistico del gruppo DHL Express Italy, che sorgerà nell’aeroporto di Malpensa e che definisce una nuova relazione tra l’area dedicata allo smistamento delle merci e l’area uffici, per la prima volta connessi da uno spazio comune chiamato “Connector”, concepito come luogo di aggregazione e scambio di idee;

Spark-One-InTown-mipim.jpg
- Spark One, il nuovo edificio a vocazione business e commerciale progettato per InTown (nuova Joint Venture tra Lendlease e Risanamento) nella zona di Milano Santa Giulia, che mira a ridefinire una nuova identità per l’intero quartiere ispirata ai principi di sostenibilità, partecipazione, efficienza e comunità;

The-Sign---Beni-Stabili-mipim.jpg

- The Sign, innovativo complesso per uffici, composto da 3 edifici di nuova costruzione nella zona sud-ovest di Milano per Beni Stabili, caratterizzato da un’immagine fortemente contemporanea e dalla presenza di una nuova piazza smart (già annoverata tra le future piazze comunali di Milano), che rivoluziona il modo di interagire con il contesto.

We-Arena---Sportium-mipim.jpg 

All’interno del MIPIM saranno inoltre presenti altri due progetti localizzati in due diverse città. Il primo è il nuovo impianto sportivo WeArena a Reggio Emilia: una struttura disegnata per ottimizzare al massimo l’esperienza sportiva del tifoso e che potrà essere vissuta tutto l’anno grazie alla presenza di numerose attività commerciali e complementari. WeArena sarà presentato da Sportium, società consortile di cui Progetto CMR è partner fondatore.

Xiantao-Big-Data-Valley-mipim-awards-Finalist-lr.jpg

Non ci sarà però solo l’Italia per Progetto CMR: dopo l’ultimo MIPIM Award vinto per il progetto di Oxygen Eco-Tower nel 2015, Progetto CMR è di nuovo tra i finalisti di quest’anno con il masterplan di Xiantao Big Data Valley, attualmente in fase di cantiere a Chongqing. Il progetto, candidato nella categoria “Best Futura Mega Project”, prevede 22 edifici NZEB con un’area destinata ad uso uffici, integrata da appartamenti SOHO, spazi commerciali, scuole, due alberghi di lusso ed altre strutture di servizio per garantire un alto livello di qualità della vita degli abitanti, distribuiti su un’area complessiva di 260.000 mq per più di 300.000 mq di superficie costruita. Un nuovo distretto totalmente a misura d’uomo, autosufficiente e sostenibile, immerso in spazi verdi, parchi, laghi e giardini.


Progetto CMR
Progetto CMR è una società specializzata nella progettazione integrata, nata nel 1994 con l'obiettivo di realizzare un'architettura flessibile, efficiente ed ecosostenibile applicando un metodo che parte dall'analisi delle esigenze del cliente. La sede centrale è a Milano, ha uffici in diverse città nel mondo: Rome, Athens, Bahrain, Beijing, Chennai, Hanoi, Ho Chi Minh, Istanbul, Jakarta, Moscow, Prague, Singapore, Tianjin ed è partner di EAN - European Architect Network.
La società è strutturata in tre macro aree: architettura, ingegneria, design, che operano in modo integrato per offrire soluzioni personalizzate, innovative e sostenibili. Dal 2010 Progetto CMR è tra i primi 100 studi di architettura al mondo segnalati da BD World Architecture Top 100.
“Less ego more eco”, meno interessi personali e più obiettivi collettivi, è la filosofia progettuale della società che dà anche il titolo all’ultima pubblicazione dedicata alla sostenibilità, firmata dall’arch. Massimo Roj (Editrice Compositori, 2012).
Tra i progetti recenti in Italia: la nuova sede di ING Italia a Milano, i nuovi uffici Adidas e Generali, le nuove sedi di HP a Milano e Roma, di UnipolSAI a Milano, uno spazio multi-funzione per Ferrari. Tra quelli esteri sono diversi gli sviluppi a scala urbana: i masterplan China-EU Future City a Shenzhen (4.622.000 mq) e Xiantao Big Data Valley a Chongqing (un IT park di 700.000 mq di ultima generazione, attualmente in fase di costruzione), il villaggio eco-sostenibile a Manjiangwan, disegnato seguendo i canoni di Slow City. 
Massimo Roj, fondatore e Ceo di Progetto CMR
Architetto, da oltre 30 anni svolge attività di consulenza nei campi della Pianificazione degli spazi, del Disegno degli interni e dell’Architettura in Italia e all’Estero. Nel 1994 fonda a Milano Progetto CMR, azienda leader italiana nel settore delle progettazione integrata. La sua passione per la ricerca lo porta ad assumere numerosi incarichi scientifici. Visiting Professor all’Università di Tianjin, nel 2002 è membro del comitato scientifico di Humantec (Design for Humanization of Technology), dal 2006 fa parte del comitato scientifico di ULI (Urban Land Institute), dal 2011, grazie al suo impegno nella progettazione sostenibile, partecipa ai comitati scientifici di Eire e Assoimmobiliare, dal 2013 entra a far parte del Comitato Operativo per la Competitività Territoriale di Assolombarda.
Tra le sue pubblicazioni: “Workspace/Workscape. I nuovi scenari dell’ufficio” (2000), “WorkWideWords. Le parole del progetto” (2004), “Less Ego More Eco” (2012).