A SAIE 2018 la seconda edizione di DIGITAL&BIM Italia - dal 17 al 20 ottobre a Bologna

Bologna Fiere SAIE 10/09/2018 1426

A SAIE 2018 continua l’approfondimento sulla digitalizzazione dell’ambiente costruito e sul BIM, avviato con successo nel 2017 con l’evento DIGITAL&BIM Italia, per offrire un panorama completo della trasformazione digitale che sta cambiando sempre più il volto del settore in tutto il mondo, coinvolgendo tutta la filiera dalla progettazione fino alla gestione in esercizio dell’opera. 

Incontri, conferenze, informazioni tecniche e seminari di alta formazione professionale con figure chiave del settore, casi ed esempi emblematici sia dall’Italia che dall’estero per fare il punto sul tema “digital”, con la possibilità di sperimentare strumenti, software, device e piattaforme innovative ed esplorare le nuove strade del futuro delle costruzioni implementando le prassi operative.

Il programma di SAIE 2018 - l’appuntamento di riferimento in Italia sulle tecnologie per l’edilizia e l’ambiente costruito 4.0 che si terrà dal 17 al 20 ottobre prossimo a Bologna - prevede sia un percorso tematico dedicato alla digitalizzazione, con focus speciale sul rilievo digitale, sistemi di restituzione dei dati, software di progettazione, piattaforme di gestione del processo, sistemi di realtà virtuale e modellazione in BIM; sia l’iniziativa specifica DIGITAL&BIM Conference Labs, organizzata in collaborazione con Assobim, nell’ambito della quale molte sono le iniziative previste in agenda, dai momenti di confronto e dibattito con i massimi esperti internazionali, ai laboratori sperimentali, alle arene tematiche, fino alla Digital Experience.

Il programma

Ecco gli appuntamenti previsti nel dettaglio:

La conferenza internazionale dal titolo “Le diverse modalità della trasformazione digitale nelle costruzioni e la centralità del dato”, con contributi internazionali e nazionali per mostrare come occorra prepararsi a convivere con livelli differenziati di adozione dei metodi e degli strumenti, con il patrocinio di Assobim e Federcostruzioni e il coordinamento scientifico dell’Università degli Studi di Brescia. Sette sessioni, articolate tra il 17 e il 18 ottobre, per riflettere sui diversi aspetti legati alla digitalizzazione: dal ruolo della committenza a quello dello sviluppo immobiliare, dalla smartness e le strategie aziendali all’impatto normativo, dalla progettazione alla realizzazione, fino alle strategie e alle politiche di settore, per chiudere con la tavola rotonda con le principali associazioni di categoria. 

Digital Talk Labs, quattro moduli di alta formazione con speaker internazionali, a cura dell’Università degli Studi di Brescia, con esperienze avanzate di digitalizzazione del settore, oltre a tre laboratori digitali sui temi del Computational BIM gestiti da Strategie Digitali per un’introduzione alle tecniche e agli strumenti avanzati per la gestione dei modelli e dei progetti in BIM.

Sette arene tematiche per informazione, formazione e networking, gestite da aziende, associazioni e media partner per illustrare le best practice dei protagonisti.

Digital experience, lo spazio per capire a cosa serve e come funziona il digitale, situato all’interno del Padiglione 31, che lo scorso anno è stato rilevato digitalmente e di cui è stato prodotto un modello BIM, prestandosi così ad attività dimostrative e di sperimentazione. Tra gli altri appuntamenti in programma “Il cantiere digitale”, a cura di STR Team System, “BIM e Building Performance Simulation” con Cspfea e “Superfici parametriche”, organizzato da Indexlab.

Con l’obiettivo, da un lato, di far conoscere i progetti e le opere che sfruttano le innovazioni digitali ed in particolare il BIM; dall’altro, di premiare aziende, startup, imprese che hanno promosso nuovi strumenti digitali, SAIE e DIGITAL&BIM Italia hanno lanciato nello scorso mese di luglio la seconda edizione del concorso BIM DIGITAL AWARDS, in collaborazione con Assobim e Ordine Architetti Bologna e il patrocinio di BIM Foundation. C’è tempo fino al 17 settembre per partecipare all’iniziativa.

Il concorso si articola in sette categorie ed è destinato a progettisti, architetti, ingegneri, società di ingegneria, aziende di servizio pubblico, università, enti di ricerca, start-up e aziende che espongono a SAIE 2018.

I progetti saranno esaminati da una giuria di esperti provenienti sia dal mondo accademico  universitario che dal mondo delle professioni, con il coordinamento del prof. Angelo Ciribini dell’Università degli Studi di Brescia.

La Giuria selezionerà una rosa di progetti finalisti e in seguito saranno nominati fino a tre vincitori per categoria. I vincitori saranno proclamati nel pomeriggio del 17 ottobre all’interno di Digital&BIM Conference Labs. La Giuria potrà, inoltre, menzionare ulteriori progetti che si siano distinti per particolari caratteristiche di innovatività e originalità.

Per saperne di più visita il sito www.digitalbimitalia.it

digital-bim-2018.JPG