PAVIMENTI 28 è on line

redazione PAVIMENTI-WEB 21/11/2018 1214

Pubblicato on line il numero 28 della rivista digitale dedicata al mondo delle pavimentazioni

Consulta il SOMMARIO del numero o sfoglia la rivista QUI

Tra gli argomenti trattati …  

pavim-28-on-line-1-parquet.jpg

MASSETTI RADIANTI E PARQUET

Legno massello e massetto riscaldato a basso spessore. Si può fare!

Schlüter-Systems introduce anche per la posa dei parquet in legno il suo concetto di “massetto di basso spessore a micro-fessurazione controllata” Schlüter-BEKOTEC.
Questo sistema è stato specificamente sottoposto ai severi test della UNI 10827 e permette finalmente una posa a colla di un parquet in massello senza alcuna necessità di fissare meccanicamente il massetto al solaio.

 

pavim-28-on-line-2-pietra-mapei.jpg

PAVIMENTAZIONI IN PIETRA

Risanamento conservativo del Ponte di Rialto a Venezia

Il contributo Mapei per un intervento a 360° in grado di arrestare i fenomeni di degrado e di riportare l’immagine del ponte all’originale. Dalla malta di allettamento dei gradini, all’impermeabilizzazione fino alla posa della pavimentazione originale. Nelle porzioni di pavimentazione che richiedevano un rinforzo strutturale, per incollare e sigillare le lastre in pietra è stato utilizzato l’adesivo epossidico a consistenza tissotropica ADESILEX PG2.

 

 

pavim-28-on-line-3-cracco.jpg

PAVIMENTAZIONI IN CERAMICA

Cracco in Galleria con rivestimenti ceramici firmati Gio Ponti in cucina!

Atmosfera sospesa tra passato e presente; una splendida scenografia dove anche i rivestimenti ceramici delle cucine e dei bagni sono curati in ogni dettaglio. I progettisti hanno utilizzato la piastrella Marazzi Triennale – la cosiddetta “4 volte curva” – disegnata da Gio Ponti, per tutte le cucinee hanno declinato la serie di grèsAllmarble sempre di Marazzi per ottenere bagni assolutamente preziosi.

 

 

pavim-28-on-line-4-mastertop-biennale-ve.jpg

PAVIMENTAZIONI  CONTINUE

Rivestimenti MasterTop al padiglione tedesco della Biennale Architettura di Venezia 2018

Per creare l'effetto di una parete continua che sembra crescere dal terreno, di un nero profondo e senza giunti rispetto alla pavimentazione, caratterizzata da una esteriorità di alta classe e per di più che riducesse efficacemente l'impatto acustico nonché fosse di facile pulizia, gli architetti hanno scelto i rivestimenti in poliuretano della serie MasterTop di Master Builders Solutions.
 

 

 

pavim-28-on-line-5-fibre-pavimenti-cls.jpg

PAVIMENTI IN CALCESTRUZZO

L’affioramento delle fibre strutturali nelle pavimentazioni di calcestruzzo finite con frattazzatrice meccanica

L’impiego delle fibre strutturali nelle pavimentazioni in cls è pratica molto diffusa, per la facilità d’uso, indipendente da problematiche/errori di posa delle armature, in quanto concorrono nel far assumere importanti valori di tenacità al calcestruzzo e, nel contempo, aiutano a mitigare gli effetti del ritiro.

L’articolo propone un criterio di accettabilità del numero di fibre affioranti in superficie.

pavim-28-on-line-7-aco-canaline.jpg

COMPONENTI: DRENAGGIO

Le soluzioni per il drenaggio firmate ACO nell'industria del vino: l'esempio di Antinori

Antinori ha scelto come partner strategico ACO, le cui soluzioni garantiscono elevate prestazioni in termini di capacità idraulica, pulizia e sanificabilità oltre a integrarsi perfettamente nella pavimentazione senza trascurare l’aspetto estetico.

Il design minimale, le linee essenziali e l’eleganza dell’acciaio inox dei sistemi di drenaggio ACO rappresentano, infatti, un elemento importante per l’armonia architettonica dell’intero complesso.

 

pavim-28-on-line-8-amphibia-volteco.jpg

IMPERMEABILIZZAZIONE

Amphibia, la membrana idroreattiva di Volteco per impermeabilizzare gli ambienti interrati

Costituita da un manto continuo polimerico multistrato coestruso, con funzionalità differenziate, AMPHIBIA ha rivoluzionato il concetto di impermeabilizzazione grazie alle qualità tecnologiche che la caratterizzano: autosigillante, autoriparante e autoagganciante, a contatto con l’acqua vede i diversi strati, che la compongono, rigonfiarsi ciascuno in modo specifico per ottenere così un’efficace impermeabilizzazione delle strutture interrate.