Ecco perché un impianto automatico da massetto può migliorare il lavoro in cantiere

OVERMAT by ORMET 23/11/2018 1153

Il cantiere moderno ci pone sfide sempre più impegnative: l’addentrarsi in luoghi angusti, l’operare con il maltempo e il dover essere il più agile possibile, per risparmiare tempo e quindi passare ad un lavoro successivo.

In un mondo come quello di massetti e pavimentazioni, si sta facendo sempre più evidente l’esigenza di avvalersi di strumenti rapidi, precisi e dal minimo ingombro.

È per questo che Overmat da anni sta al fianco dei massettisti per poter fornire loro degli impianti che, in maniera automatica, dosano, miscelano e pompano direttamente in cantiere il massetto (sia esso sabbia-cemento o autolivellante) e sottofondi (siano essi alleggeriti con polistirolo o cemento cellulare), su autocarro o semirimorchio.

Si tratta questo di un mercato ormai piuttosto consolidato in Italia, che trova il suo posto sia nelle realtà aziendali strutturate sia in quelle più piccole a conduzione familiare.

Nel rinnovare la propria gamma di macchinari, nell’ultimo anno Overmat ha perfezionato anche un impianto automatico per miscelare e pompare in cantiere sottofondi alleggeriti - con e senza aggregato - e massetti autolivellanti.
Questa macchina è stata presentata durante l’edizione 2018 del GIC “Giornate Italiane del Calcestruzzo” di Piacenza, dove ha riscosso un successo molto positivo.
Frutto di più di 15 anni di esperienza maturata nel settore, questo impianto rappresenta una rivisitazione della sua prima versione, il tutto a vantaggio della produttività e della flessibilità.

impianto-automatico-overmat-1.JPG
L'impianto automatico di OVERMAT al GIC 2018, Piacenza

Perché un impianto di questo tipo rappresenta la svolta per il posatore di massetti?

A carattere generale, va premesso che un impianto Overmat è un “all in one”. Tutti i materiali necessari sono stoccati al suo interno e sono dosati e miscelati in maniera automatica, attraverso la selezione della ricetta da pannello operatore. Sempre in modo automatizzato, il materiale viene agilmente pompato in cantiere.
L’impianto è installato su autocarro oppure su semirimorchio ed opera sempre in posizione orizzontale.

In questo caso, l’impianto presentato a Piacenza è installato su un autocarro 8x4 a doppia trazione e si presenta estremamente compatto. Gli spazi sono stati studiati al meglio per favorire il minimo ingombro.

La flessibilità operativa portata a perfezionamento in tutti questi anni fa sì che l’impianto possa passare da una ricetta ad un’altra senza intoppi. 
Ciò significa che si può, ad esempio, produrre sottofondi alleggeriti ed in seguito passare a una produzione di massetto di finitura, con facilità e in tempi relativamente brevi.
A differenza della sua versione precedente, questa nuova macchina è inoltre dotata di vasche di dosaggio e pompaggio che rimangono stabili in posizione fissa.
impianto-automatico-overmat-2.JPG

>> GUARDA IL VIDEO realizzato al GIC sul nuovo impianto per massetti di OVERMAT

Il sistema GPS-GPRS permette la geolocalizzazione e la visione in tempo reale dello stato dell’impianto. Non solo si può vedere dove si trovi, ma anche se sta lavorando. 
Con il software di bordo è inoltre possibile avere a portata di mano tutta la produzione, potendo quindi visualizzare i costi reali di cantiere.

Quindi, la svolta si traduce in rapidità nella realizzazione, risparmio di tempo e conseguente risparmio di denaro, nonché in un notevole aumento della produttività.
Tutto il processo di lavoro è agevolato dall’automazione della macchina e dalla semplice gestione tramite radiocomando bidirezionale e pannello operatore.

impianto-automatico-overmat-3.JPG

Una fabbrica mobile 4.0

È altresì importante sottolineare che le caratteristiche tecnologiche di questo tipo di macchina lo classificano come “fabbrica mobile” e combaciano perfettamente con i requisiti “Industria 4.0”, permettendo inoltre di aderire al cosiddetto iper-ammortamento 250%. Ciò rappresenta per Overmat, come per tutte le realtà operanti nell’ambito della meccatronica e delle tecnologie, un passo importante nella diffusione del prodotto e dà uno stimolo in più a chi decide di investire in questo strumento.

Inoltre, l’incremento di produttività fa sì che il costo dell’impianto venga recuperato in poco tempo.

In breve, l’evoluzione del cantiere si può riassumere in tre semplici parole: efficienza, risparmio e tecnologia.

Per saperne di più, visitate il sito www.overmat.it