Il Sistema PENETRON per garantire la durabilità delle vasche in calcestruzzo, il Porto Turistico di Ventimiglia

09/04/2019 1041

Nuovo Porto di Ventimiglia Nuovo Porto di Ventimiglia

Il nuovo Porto Turistico è inserito nel comune di Ventimiglia, nella zona della Marina S. Giuseppe e si colloca in un tratto di litorale conformato per ospitare tale tipo di opera, quale naturale “ampliamento” dell’approdo esistente.

Il layout del nuovo Porto Turistico di Ventimiglia

Il layout del porto si presenta molto compatto, grazie al disegno ottimizzato delle opere a terra costituite da volumetrie commerciali per 8.616 m3 ed un totale di 430 posti auto.

Il progetto delle opere a terra interessa un'area di circa 2 ettari e riguarda la realizzazione di:

  • Consolidamento del versante a levante;
  • Spazi commerciali/servizi sulla piattaforma portuale;
  • Viabilità interna portuale, con realizzazione di una rotonda terminale alla Passeggiata Marconi;
  • Parcheggi pubblici e privati in struttura, ubicati nelle aree retrostanti il porto.

È previsto inoltre il ripristino e la valorizzazione del percorso verso la spiaggia delle Calandre e il potenziamento/recupero delle interconnessioni con il centro storico di Ventimiglia, anche grazie alla realizzazione di un nuovo ascensore verticale.

L'impermeabilizzazione e la protezione del calcestruzzo in ambiente aggressivo

All'interno delle “Opere a mare” si inserisce l’impianto marino di rifornimento carburante e l’impianto di sollevamento acque:

  • 4 cassoni d’isolamento (bacini secondari) di dimensione 4 m x 12 m, altezza 3,60 m (spessore platea, pareti e soletta 30 cm), perennemente immersi in acqua marina per 3,10 m, contenenti i serbatoi dei carburanti per gli yacht;
  • 5 vasche di dimensione circa 5 m x 5 m, altezza totale 3,30 m (spessore platea 30 cm, pareti e soletta 25 cm), perennemente immerse in acqua marina per 2,10 m, facenti parte dell’impianto idraulico della banchina (sollevamento acque nere).

sistema-penetron-porto-ventimiglia-02.jpg Alloggiamento vasche

Appare evidente come, in un progetto simile, che consta nella costruzione dei manufatti sulla banchina, l’unica tecnologia di impermeabilizzazione che possa garantire la tenuta anche durante il posizionamento in esercizio, tramite sollevamento e trasporto in mare, è un Sistema integrale di impermeabilizzazione e protezione del calcestruzzo, quale il Sistema Penetron®.

Il Sistema Penetron® per le vasche in calcestruzzo del nuovo Porto di Ventimiglia

Il Sistema Penetron® è stato scelto dall'impresa appaltante, CEM S.p.A. di Napoli, non solo per facilità e rapidità di esecuzione, ma principalmente perché si prefigurava quale unico Sistema che non potesse subire danneggiamenti durante le difficili operazioni di posa in opera delle vasche: qualsiasi altra tipologia di impermeabilizzazione pellicolare sarebbe infatti stata inficiata durante la complessa movimentazione dei cassoni.

E’ stata inoltre adottata la tecnologia del trattamento a boiacca Penetron® Standard, sia a protezione superficiale interna delle pareti e della fondazione delle vasche, in sostituzione dei tradizionali rivestimenti epossidici previsti a progetto, sia a protezione superficiale esterna delle pareti durante il sollevamento e la movimentazione in mare, andando così a realizzare un unico ciclo Penetron® per l’impermeabilizzazione e protezione completa delle vasche.

Tutte le vasche, realizzate sulla banchina, sono infatti state sollevate tramite pontone marittimo, trasportate via mare e alloggiate nella loro sede finale, dove sono state ancorate e zavorrate con acqua onde evitare il galleggiamento; successivamente si è provveduto al getto del cordolo di completamento e della soletta, il tutto additivato con Penetron® Admix.

Il Penetron® Admix, elemento principale del Sistema, viene aggiunto come additivo al “mix design” del calcestruzzo in fase di confezionamento, per ottenere un’impermeabilizzazione integrale, capillare e attiva nel tempo della matrice strutturale. Questa tecnologia innovativa, grazie all'esclusiva formulazione di componenti reattivi, riduce drasticamente la permeabilità del calcestruzzo e le fessurazioni per eccessivo gradiente termico o per ritiro igrometrico contrastato, aumentando le caratteristiche prestazionali della matrice e la durabilità dell’opera appunto “fin dal principio”. Il comportamento dell’additivo di “self healing” del calcestruzzo rimane attivo nel tempo veicolo umidità-acqua presente nelle strutture interrate, nelle opere idrauliche e nelle opere sommerse anche marine, garantendo la tenuta impermeabile e aumentando notevolmente la durabilità del manufatto nella vita utile di esercizio.

Una volta definita la prestazione impermeabile della matrice in calcestruzzo, si è proceduto alla definizione della “vasca impermeabile” nella sua interezza; anche in questo caso il Sistema si è potuto adeguare alle necessità di cantiere, fornendo le soluzioni ottimali per i diversi particolari costruttivi, tramite lo studio del posizionamento degli Accessori complementari del Sistema Penetron®.

L’utilizzo del Sistema Penetron® è dunque consistito in:

  • additivazione con Penetron Admix® dei getti delle platee, pareti e solette per un totale di circa 450 m3;
  • risoluzione con gli Accessori Complementari delle diverse tipologie di giunti presentatisi: giunti di ripresa di getto platea/parete, giunti di fessurazione programmata della parete, giunti di ripresa parete/soletta, sigillatura dei fori dei distanziatori per i casseri industriali. Particolare attenzione è stata posta al giunto perennemente sommerso platea/parete in ambiente marino: questo è stato infatti realizzato predisponendo il WATER JOINT B 25.20 SW, giunto waterstop sigillante idroespansivo specifico per attacco chimico sul lato esterno del lamierino WS BLADE e WATER JOINT B 25.20 lato interno;
  • trattamento finale con Penetron® Standard in boiacca sia lato esterno, a protezione di eventuali microlesioni causate dalla movimentazione, sia lato interno in sostituzione al rivestimento in vernice epossidica presente a progetto.

Vasche in calcestruzzo alloggiate in mare, esenti da alcuna infiltrazione Vasche in calcestruzzo alloggiate in mare, esenti da alcuna infiltrazione

Posizionamento giunti WATER JOINT B 25.20 SW e WS BLADE per ripresa di getto Posizionamento giunti WATER JOINT B 25.20 SW e WS BLADE per ripresa di getto platea/parete

sistema-penetron-porto-ventimiglia-04.jpgTrattamento superficiale pareti e giunti di fessurazione WS BREAK JOINT con ciclo Penetron® Standard

>>> per maggiori info sul Sistema Penetron® visita www.penetron.it

SCARICA L'ARTICOLO IN PDF


Scheda Tecnica - Nuovo Porto Turistico di Ventimiglia

Committente: Cala del Forte
Periodo: 2016 - in corso
Importo lavori: € 90.000.000

Opere a mare:
Superficie specchio acqua protetto: 67.230 m2
Totale posti barca: 176
Lunghezza massima imbarcazioni: 70 m 

Opere a terra:
Aree commercio: (SL) 2.473 m2 - (VL) 8.409 m3
Officina rimessaggio: (SL) 270 m2 - (VL) 920 m3
Depositi: (SL) 1.899 m2 - (VL) 6.458 m3
Torre servizi: (SL) 643 m2 - (VL) 2.250 m3
Servizi portuali: (SL) 556 m2 - (VL) 1.893 m3
Depositi attrezzature: (SL) 548 m2 - (VL) 1.425 m3
Parcheggi: (SL) 10.530 m2 - (VL) 31.249,83 m3