Luca Bertolini Memorial Award: vince Elisa Franzoni

L’ingegnere del DICAM dell’Università di Bologna, ha presentato uno studio sulla durabilità dell’intonaco “Terranova”

premiazione-luca-bertolini-memorial-award.jpg

È l’ingegnere Elisa Franzoni, co-autrice della pubblicazione scientifica «The “Terranova” render of the Engineering Faculty in Bologna (1931–1935): reasons for an outstanding durability» - Materials and Structure (2017), la vincitrice della prima edizione del Premio alla memoria del Professor Luca Bertolini.

Il riconoscimento, intitolato al famoso esperto di calcestruzzo e corrosione scomparso nel febbraio del 2017, è stato promosso dall'American Concrete Institute Italy Chapter (ACI-IT) e dal Gruppo Materiali Cementizi e Durabilità (mCD) del Politecnico di Milano, per ricordare lo studioso e la sua passione nella ricerca nel settore dei materiali da costruzione e della loro durabilità.

La cerimonia di premiazione si è svolta al Politecnico di Milano, in occasione del quinto workshop “The New Boundaries Of Structural Concrete” organizzato dall’ACI Italy Chapter. 

Lo studio sull’intonaco “Terranova”

Il lavoro scientifico, a cui hanno contribuito anche Andreas Leemann, Michele Griffa e Pietro Lura, è stato premiato per l’originalità, l’innovazione e il rigore metodologico, oltre che per la ricaduta positiva nelle tematiche di ricerca di cui il professor Bertolini si è occupato nel corso della sua carriera accademica.

elisa-franzoni-ingegnere.jpg

«Insieme ai colleghi dell’Empa e dell’ETH svizzeri ho studiato le caratteristiche dell’intonaco originale Terranova che è presente nelle finiture esterne nella Facoltà d’Ingegneria di Bologna - ha spiegato l’Ingegnere Franzoni - un edificio razionalista di grande importanza e tutelato dalla Soprintendenza, dove l’intonaco sopravvive ancora in condizioni perfette dopo quasi 85 anni dalla posa. Nel lavoro ho studiato le ragioni di tale straordinaria durabilità facendo una caratterizzazione del materiale anche con l’utilizzo di tecniche non convenzionali».

Nella VIDEO INTERVISTA l'ing. Franzoni racconta i dettagli della pubblicazione scientifica