Italcementi al Premio Gaetano Marzotto 2019: vince il progetto Milk Brick

28/11/2019 575

È giunto a conclusione il Premio Gaetano Marzotto 2019, la principale startup competition in Italia che sostiene le nuove idee, attiva l’impresa italiana e porta la sua innovazione nel mondo.

La finale si è svolta al Link Campus University di Roma giovedì 21 novembre alla presenza di tutte le start-up selezionate per le differenti categorie del premio. Nell’edizione 2019 sono stati inviati 5.000 progetti, con 384 finalisti selezionati.

Edilizia sostenibile, Dal latte al calcestruzzo

Fra i partner del Premio anche quest’anno c’è Italcementi, che ha riconosciuto al progetto Milk Brick, il Premio Speciale Italcementi | HeidelbergCement Group, per l’obiettivo di riduzione del consumo di acqua nella produzione di calcestruzzo grazie alla valorizzazione del latte di scarto dell’industria casearia attraverso la separazione e il successivo recupero della caseina e dell’acqua per sviluppare materiali per l’edilizia.

premio-marzotto_muresu_italcementi.jpg

Il Premio di Italcementi è infatti dedicato a una startup che intende offrire soluzioni innovative di prodotto e/o di processo nel business cemento e/o del calcestruzzo.

«Il progetto – spiega Enrico Borgarello, Direttore Innovazione Italcementi | HeidelbergCement Group – ha una forte valenza di sostenibilità che va nella direzione di un’economia circolare attraverso il recupero dell’acqua di scarto da un ciclo produttivo per poi riutilizzarla nella produzione di materiali per le costruzioni».

Italcementi, da sempre orientata verso soluzioni innovative all’insegna della sostenibilità

Oggi, il settore delle costruzioni è in forte evoluzione per rispondere in modo positivo alla crescente richiesta della building community di materiali ad alte prestazioni per città sempre più sostenibili e “smart” e, al tempo stesso, alla necessità di un uso consapevole delle risorse naturali.

Italcementi, da sempre orientata verso soluzioni innovative all’insegna della sostenibilità, ha deciso di premiare la startup Milk Brick per l’obiettivo di riduzione del consumo di acqua nella produzione di calcestruzzo e perché le fibre di caseina recuperate potrebbero contribuire a migliorare le performance termoisolanti dei manufatti cementizi. Milk Brick nasce a Sassari nel 2017 da un’idea di Giangavino Muresu che, dopo aver svolto per alcun anni una ricerca per la valorizzazione del latte di scarto dell’Industria casearia, nel 2016 ottiene il brevetto industriale di un innovativo ecobio-composito fatto di latte con il quale è possibile sviluppare prodotti per l’edilizia.

L’attività tecnica e il know-how di supporto che Italcementi offrirà saranno orientati a validare la fattibilità di questa particolare soluzione e la sua applicabilità a livello industriale.

>>> Visita il sito web di Italcementi