Buzzi Unicem: fatturato a 3,22 miliardi, tirano gli Stati Uniti

9 febbraio 2021: Il consiglio di amministrazione di Buzzi Unicem ha esaminato i dati preliminari del 2020. Il fatturato consolidato è pari a 3,22 miliardi in linea con il 2019 ma +1,8% a cambi e perimetro costanti. Cio' e' avvenuto - sottolinea una nota del gruppo - grazie al progresso registrato in Stati Uniti d'America, sostenuto dalla solidita' della domanda, al marginale incremento in Russia ed alla stabilita' delle vendite in Germania.

Dai dati diffusi ieri da Buzzi Unicem emerge che il gruppo ha registrato vendite di cemento in crescita tendenziale dello 0,4% a 29,25 milioni di tonnellate, mentre quelle del calcestruzzo preconfezionato si sono contratte del 3,1% a 11,7 milioni di metri cubi. 

Ciòè avvenuto sottolinea una nota del gruppo - grazie al progresso registrato in Stati Uniti d’America, sostenuto dalla solidità della domanda, al marginale incremento in Russia ed alla stabilità delle vendite in Germania. Tali andamenti hanno bilanciato lo sviluppo negativo in Europa Orientale ed in Italia, dove peraltro si è assistito ad un certo recupero dei consumi di cemento nel secondo semestre.

L'indebitamento finanziario netto a fine 2020 ammonta a 241,6 milioni, in diminuzione di 326,2 milioni rispetto ai 567,8 milioni di fine 2019.

Su questo fronte, il miglioramento è in parte riconducibile all’andamento favorevole del flusso di cassa generato dall’attività operativa e all’incasso di una cedola da 143 milioni relativa alla cessione delle attività della collegata Kosmos Cement. La società prevede che il consolidato si chiuda con un ebitda ricorrente di circa 780 milioni.