Superbonus: le LINEA GUIDA di G&P Intech per mettere in sicurezza i condomini con interventi non invasivi

G&P Intech, azienda con trentennale esperienza nei prodotti e nelle tecnologie innovative di elevato standard professionale e competitività, ha redatto una Linea Guida specifica al fine di fornire degli strumenti operativi tecnici ed economici per le progettazioni relative al Superbonus 110, Sismabonus e Bonus Facciate.


Sicurezza antisismica: le Linee Guida G&P Intech per intervenire dall'esterno degli edifici

La Linea Guida è stata predisposta per gli interventi antisismici non invasivi (sisma-light) in particolare dall’esterno dei condomìnii e delle costruzioni civili, quali fasce di piano e di sommità, nodi esterni con fibre di carbonio o tessuti in acciaio a confinamento, sistemi antiribalta per tamponature STG, STG1, FRCM a basso spessore, ai sensi delle disposizioni legislative in materia di Superbonus110 e Sismabonus  di cui  alla nota del C.S.LL.PP. per le relative asseverazioni tecniche riportate nella stessa  Linea Guida. 

Le tecnologie illustrate in questa Linea Guida rispondono ad alcuni principi basilari quali:

  • rispondere alla necessità di usufruire dei Bonus Fiscali Superbonus 110, Sismabonus, Bonus facciate di cui al D. L. 34/2020;
  • operare principalmente dall’esterno del fabbricato con bassa invasività e disagio per i condomini e rapidità esecutiva;
  • impiegare tecnologie ampiamente certificate e impiegate nel mercato della ristrutturazione e dell’antisismica e, pertanto, affidabili ed efficaci nel miglioramento sismico nel rispetto delle Normative vigenti e delle Linee Guida tecniche di settore. 
  •  

Superbonus 110% - Sismabonus – Bonus facciate

Il Superbonus 110% è una misura di incentivazione, introdotta dal D.L. “Rilancio” del 19 maggio 2020 n. 34, che punta a rendere più efficienti e più sicure le proprie abitazioni.

Il Superbonus si suddivide in due tipologie di interventi: il Bonus facciate che agevola gli interventi finalizzati al recupero o restauro delle facciate esterne degli edifici esistenti e il Super Sismabonus che incentiva i lavori di adeguamento e miglioramento antisismico.

È possibile ottenere le agevolazioni fiscali effettuando almeno un intervento cosiddetto “trainante”, quale:

  • isolamento termico dell’involucro dell’edificio plurifamiliare o unifamiliare;
  • sostituzione degli impianti termici con impianti centralizzati;
  • sostituzione degli impianti termici su edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari site all’interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e che dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno.

Successivamente, una volta eseguito almeno uno degli interventi succitati, il beneficiario può decidere di effettuare gli interventi cosiddetti “trainati”, quali:

  • sostituzione degli infissi;
  • schermature solari;
  • installazione di impianti fotovoltaici;
  • impianti di domotica;
  • eliminazione delle barriere architettoniche;
  • colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici;
  • sistemi di accumulo.

Il Super Sismabonus, a differenza di quanto accadeva col precedente Sismabonus, vale indistintamente per tutti gli interventi di “adeguamento sismico”, “miglioramento sismico” o “locali”. 

Il Sismabonus 110% è pensato sostanzialmente per condomini e soggetti IRPEF ma può essere usufruito anche da soggetti IRES nel caso di interventi su parti condominiali. Inoltre, sono potenziali fruitori del super Sismabonus gli edifici di proprietà o in gestione degli ex IACP, o di enti aventi analoga funzione. 

Le agevolazioni fiscali interessano anche gli interventi finalizzati al recupero o restauro delle facciate esterne degli edifici esistenti. Il cosiddetto bonus facciate, riguarda esclusivamente interventi su strutture opache della facciata, balconi o ornamenti e fregi, compresi quelli di sola pulitura o tinteggiatura esterna, ben visibili dalla strada o da suolo ad uso pubblico. Tale bonus non spetta, invece, se le facciate sono interne e non visibili dalla strada.

gp-intech-saie-2021.jpg

G&P Intech al SAIE 2021 di Bari

G&P Intech sarà presente dal 7 al 9 ottobre al SAIE 2021 di Bari, il Salone Internazionale dedicato all’edilizia, alla progettazione e agli impianti a Bari. 

Vieni a trovarci al Nuovo Padiglione – Stand M7.

Per l’occasione G&P intech ha promosso insieme con gli Ordini degli Ingegneri e degli Architetti di Bari, il ConvegnoLe nuove normative e Linee Guida Ministeriali per i materiali compositi innovativi FRP-FRCM-CRM. Criteri di intervento per un corretto impiego nel rinforzo strutturale ed antisismico. Il SuperSismaBonusvenerdì 8 ottobre 2021 presso la Sala 8 del Centro Congressi dalle 09.30 alle 13.00.

SCOPRI COME PARTECIPARE

Il convegno è gratuito fino ad esaurimento posti. La registrazione al convegno è obbligatoria on line entro il 6 ottobre. Saranno riconosciuti 3 CFP ai partecipanti al convegno iscritti agli Ordini Professionali degli Ingegneri e degli Architetti.

 

Parere della Commissione del C.S.LL.PP.

In data 07/04/2021 la Commissione per il monitoraggio del Sismabonus presso il Consiglio superiore dei lavori pubblici ha predisposto una nuova serie di risposte e chiarimenti ad alcuni quesiti confermando che gli “interventi di riparazione o locali”, di cui al punto 8.4 delle NTC 2018 rientrano a pieno titolo tra quelli disciplinati dall’art. 16-bis del D.P.R. 917/1986 e quindi sono agevolabili anche con il Super-Sismabonus. Tuttavia, ciò quando detti interventi sono volti a conseguire una o più delle seguenti finalità:

  • ripristinare, rispetto alla configurazione precedente al danno, le caratteristiche iniziali di elementi o parti danneggiate;
  • migliorare le caratteristiche di resistenza e/o di duttilità di elementi o parti, anche non danneggiati;
  • impedire meccanismi di collasso locale.

Inoltre, il chiarimento più innovativo reso dalla Commissione riguarda i casi in cui non è necessaria l’attribuzione di classe di rischio, in particolare:

  • quando si utilizzano le prescrizioni dell’Allegato A al D.M. 58/2017 relative ad edifici in calcestruzzo armato con telai in due direzioni;
  • quando si utilizzano le prescrizioni dell’Allegato A al D.M. 58/2017 relative all’utilizzo del metodo semplificato per edifici in muratura;
  • nel caso di demolizione e ricostruzione di interi edifici o loro porzioni.

 

Le Tecnologie antisismiche G&P Intech

G&P Intech propone una gamma di soluzioni per il ripristino di strutture in c.a. e in muratura esistenti, in grado di risolvere tutte le carenze che si possono riscontrare e offre un servizio completo alla progettazione e al cantiere con prodotti e tecnologie certificati, consulenza e assistenza tecnica e formazione professionale.

LINEA FRP SYSTEM: Consolidamento strutturale con materiali compositi FRP

Per il consolidamento delle strutture in cemento armato, cemento armato precompresso e muratura, una delle tecnologie più efficaci è sicuramente il sistema FRP. La tecnica del rinforzo FRP consiste nell’applicare le fibre, alle strutture da consolidare, mediante resine polimeriche tipicamente di natura epossidica

LINEA FRP SYSTEM di G&P INTECH

Rinforzi strutturali con sistema FRP.

Riferimenti normativi per la progettazione del sistema FRP

La normativa tecnica di riferimento principale è la CNR DT 200 R1 2013, che è stata recepita come normativa tecnica di comprovata validità, secondo le indicazioni del Cap. 12 delle NTC18.

Ulteriori indicazioni, specialmente per il rinforzo dei nodi, sono fornite nelle Linee Guida ReLuis per riparazione e rafforzamento di elementi strutturali, nodi, tamponature e partizioni.

 

Riferimenti normativi per la qualificazione e l’accettazione del sistema FRP

La qualificazione e l’accettazione dei materiali per rinforzi FRP è disciplinata, in Italia, dal Decreto del Presidente del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici n.293 del 29.05.2019, recante “Linea Guida per la identificazione, la qualificazione ed il controllo di accettazione di compositi fibrorinforzati a matrice polimerica (FRP) da utilizzarsi per il consolidamento strutturale di costruzioni esistenti”. Il documento sostituisce le precedenti Linee Guida di cui al D.P. CLSP n.220 del 09.07.2015 per quanto riguarda i materiali compositi in fibra di carbonio, vetro e aramide; inoltre aggiunge la qualificazione per le fibre di basalto e per i tessuti in trefoli d’acciaio UHTSS.

 

LINEA FRCM SYSTEM: Sistemi di rinforzo strutturale con reti in carbonio, vetro AR, basalto, tessuti di acciaio UHTSS in matrici inorganiche (FRCM)

Per il consolidamento delle strutture in muratura e in calcestruzzo, la tecnologia FRCM System prevede l’uso di rinforzi sotto forma di intonaci strutturali armati con materiali compositi sotto forma di reti (non rigide) o tessuti in acciaio.

Rinforzi strutturali con sistema FRCM.

Rinforzi strutturali con sistema FRCM.

Al fine di scongiurare il fenomeno di antiribaltamento degli elementi strutturali secondari e non strutturali quali tamponamenti, collegamenti perimetrali e tramezzature, la G&P Intech propone i sistemi STG, STG1 (Strong Tie Glass), a basso spessore, costituiti da un rasante bicomponente armato con reti in fibra di vetro o di basalto alcali resistenti apprettate connesse al supporto mediante connettori di ancoraggio anch’essi in fibra di vetro o di basalto o per mezzo di barre elicoidali in acciaio inox. In alternativa, per il presidio di antiribaltamento delle tamponature, è possibile impiegare il sistema FRCM costituito da malte strutturali a base di calce idraulica armate con rete in fibra di basalto apprettata alcali resistente e connettori di ancoraggio in fibra di basalto o barre elicoidali in acciaio inox.

Rinforzi strutturali con sistema FRCM.

Presidio di antiribaltamento.

Riferimenti normativi per la progettazione del sistema FRCM

La normativa tecnica di riferimento principale è la CNR DT 215-2018, che è stata recepita come normativa tecnica di comprovata validità, secondo le indicazioni del Cap. 12 delle NTC18.

Ulteriori indicazioni, utili alla messa in opera dei rinforzi, sono fornite nelle Linee Guida ReLuis per riparazione e rafforzamento di elementi strutturali, nodi, tamponature e partizioni.


Riferimenti normativi per la qualificazione e l’accettazione del sistema FRCM

 La qualificazione e l’accettazione dei materiali per rinforzi FRCM è disciplinata, in Italia, dal Decreto del Presidente del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici n.1 del 08.01.2019, recante “Linea Guida per la identificazione, la qualificazione ed il controllo di accettazione di compositi fibrorinforzati a matrice inorganica (FRCM) da utilizzarsi per il consolidamento strutturale di costruzioni esistenti”.

 

LINEA CRM SYSTEM: Sistemi di rinforzo strutturale con reti preformate in GFRP (CRM)

Il rinforzo con CRM System prevede sempre la realizzazione di un rinforzo a trazione con la tecnica dell’intonaco armato, ma si distinguono dai sistemi FRCM per l’impiego di reti rigide già preformate con fibre di vetro alcali resistenti e malte strutturali.

Rinforzi strutturali con sistema CRM.

Rinforzi strutturali con sistema CRM.

Riferimenti normativi per la progettazione del sistema CRM

La normativa tecnica di riferimento principale è la NTC18, che al Cap. 8 prevede specificatamente l’impiego di intonaci armati per il rinforzo delle murature esistenti. Inoltre, secondo le indicazioni del Cap. 12 delle NTC18, si può sempre fare riferimento a normative tecniche di comprovata validità per una trattazione più esaustiva, tra cui la CNR-DT 203/2006.

Ulteriori indicazioni, utili alla messa in opera dei rinforzi, sono fornite nelle Linee Guida ReLuis per riparazione e rafforzamento di elementi strutturali, nodi, tamponature e partizioni.

 

Riferimenti normativi per la qualificazione e l’accettazione del sistema CRM

La qualificazione e l’accettazione dei materiali per rinforzi CRM è disciplinata, in Italia, dal Decreto del Presidente del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici n.292 del 29.05.2019, recante “Linea Guida per la identificazione, la qualificazione ed il controllo di accettazione dei sistemi a rete preformata in materiali compositi fibrorinforzati a matrice polimerica da utilizzarsi per il consolidamento strutturale di costruzioni esistenti con la tecnica dell’intonaco armato CRM (Composite Reinforced Mortar)”.

 

ISOLAMENTO SISMICO ALLA BASE - Dispositivi per l’isolamento sismico: friction pendulum a singola e doppia superficie di scorrimento

La protezione sismica delle strutture, nuove ed esistenti, civili, industriali e infrastrutturali a mezzo di dispositivi meccanici di isolamento alla base, rappresenta un’importante tecnica dell’ingegneria strutturale allo scopo di minimizzare i danni alle costruzioni e di salvare vite in caso di terremoti di elevata intensità.

Per adeguare sismicamente le nuove strutture, ma anche le esistenti, possono oggi essere adottate moderne tecnologie antisismiche, che si basano sulla drastica riduzione delle forze sismiche agenti sulla struttura, piuttosto che affidarsi alla sua capacità, garantendo un grado di sicurezza non perseguibile con tecniche tradizionali. Ad oggi, una delle tecnologie più mature ed affidabili è senz’altro l’isolamento sismico a mezzo di isolatori a semplice e doppia superficie curva di scorrimento (friction pendulum).

Isolatori a singola e doppia superficie di scorrimento Hislide HP1 – HP2.

Isolatori a singola e doppia superficie di scorrimento Hislide HP1 – HP2.

Normativa di riferimento 

Le normative vigenti che regolano la progettazione sui vari dispositivi d’isolamento e dissipazione sono le nuove Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC 2018) e la Normativa Europea UNI EN 15129 Dispositivi antisismici.

In particolare nelle NTC18 al tema di isolamento sismico sono dedicati il capitolo 7.10, per quel che riguarda gli aspetti di progettazione e esecuzione e il capitolo 11.9 relativo ai dispositivi.


 Per maggiori informazioni scarica la Linea Guida 

oppure visita il sito di G&P Intech