«3Muri Project? Il software del futuro per la progettazione integrata». La parola a chi lo sta provando

3Muri Project X3 è il nuovo software per la progettazione integrata dell’esistente in muratura e cemento armato nato dal team di sviluppo di S.T.A. Data.

La nuova suite, naturale evoluzione di 3Muri, è un software al passo con i tempi che offre la possibilità di lavorare in un ambiente unico e multifunzionale in quanto consente di affrontare l’analisi globale della struttura, gli interventi locali e il computo metrico.

Per avere le prime impressioni sul nuovo strumento digitale a servizio dei progettisti, Ingenio ha intervistato Andrea Balsamini, ingegnere strutturista e titolare dello Studio BFR a Urbino.  

L’ingegnere è tra i professionisti che da circa un mese stanno testando le potenzialità del nuovo 3Muri Project. 

 

I punti di forza del nuovo software 3Muri Project 

Ing. Balsamini, ha sempre usato il software 3MURI?

«Utilizziamo diversi software, ma 3Muri è tra quelli che usiamo prevalentemente per le strutture in muratura essendo lo strumento più idoneo».

Quali sono le novità di 3Muri Project X3 che l’hanno colpita maggiormente?

«Ciò che ha colpito maggiormente me e i colleghi è il fatto di aver trovato in un unico ambiente più applicativi, dalle verifiche globali, all’analisi locale fino a quella relativa ai costi. Prima curavamo tutta una serie di progettazioni di dettaglio con software fatti in casa, tipo fogli di calcolo o similari, con la complicazione di dover usare due ambienti distinti. Ora invece, è molto più vantaggioso perché lo stesso software offre una serie di utilità. Disporre di tutte le informazioni necessarie alla progettazione in un’unica piattaforma significa che non si devono moltiplicare le fasi di input e in più si ha continuamente sotto controllo tutto il lavoro, ciò riduce il rischio di commettere errori o imprecisioni e in più si ottimizzano i tempi. A mio avviso sarà questa la tendenza dei software del futuro: integrare una serie di applicazioni che agevolano il lavoro dei progettisti abbassando i margini di errore».

 

3Muri Project X3 il nuovo software per la progettazione di STA DATA

 

I vantaggi di 3Muri Project con il Super Sismabonus

Il software comprende anche la parte del computo metrico dando la possibilità di fare una stima di massima dei costi di adeguamento e miglioramento sismico. È uno strumento utile soprattutto adesso con il Super Sismabonus?

«È molto utile perché con le modifiche apportate dal Super Sismabonus è cambiata anche la nostra modalità di lavoro. Prima allo strutturista veniva prevalentemente chiesto di sviluppare la parte prettamente progettuale e la componente economica era residuale e veniva affidata ad altri. Oggi invece, con le asseverazioni, occorre che anche chi ricopre il mio ruolo si occupi del computo metrico, per cui tenere sotto controllo l’andamento dei costi in fase di progettazione aiuta a dimensionare l’intervento controllandone la spesa complessiva evitando così di superare i limiti di spesa previsti dai Bonus, un fattore determinante per la buona riuscita del progetto».

Per quanto riguarda l’interfaccia, la gestione dei modelli e dei parametri, è un software user friendly?

«Sì, le informazioni sono ben organizzate, intuibili e accessibili, può essere definito un software user friendly con un’accezione positiva. L’interfaccia grafica aiuta il progettista a generare facilmente il modello tenendo sott’occhio gli input e valutando eventuali errori, è una caratteristica che dovrebbero avere tutti i software».

Uno dei punti di forza è il metodo di calcolo FME (Frame by macro element) che ha sempre caratterizzato il software 3Muri. Ha notato migliorie?

«Il metodo è ormai consolidato, sotto questo aspetto non è cambiato, sono state aggiunte diverse possibilità che consentono di modificare il modello che viene generato in automatico dal software e quindi in una fase successiva il progettista può intervenire per apportare varianti».

Il suo studio sta testando l’uso del software da un mese circa, se avesse avuto la possibilità di utilizzarlo anche in passato, in quali progettazioni le sarebbe tornato maggiormente utile? 

«Direi in buona parte dei casi, per la progettazione dei solai, per la verifica degli architravi o la gestione di cerchiature per interventi locali, il risparmio di tempo sarebbe stato notevole».

Attualmente state testando 3Muri Project su qualche progetto?

«Sì, lo stiamo usando per un intervento di miglioramento sismico di un edificio residenziale in un complesso condominiale, si tratta di cinque unità immobiliari, siamo in fase conclusiva e ci stiamo trovando davvero bene. Il software fornisce un supporto concreto al progettista che può gestire parecchi interventi, controllare in modo adeguato i modelli e le elaborazioni numeriche. Si sta rivelando particolarmente utile nella gestione dell’analisi dei carichi, nel calcolo dei nuovi solai, nell'introduzione di sistemi di controventamento di piano e nel controllo sommario dei costi dell’intervento». 


3Muri Project: l'evoluzione continua! SCOPRI tutti i dettagli del nuovo software


 

Leggi anche:

adriano-castagnone_700.JPG

3Muri Project: il nuovo software per la gestione totale del progetto, dall’analisi globale agli interventi locali

L'Ing. Adriano Castagnone, CEO e responsabile scientifico di S.T.A. DATA., racconta com'è nato il nuovo software e quali sono le sue potenzialità.

>>> L'INTERVISTA