Il concorso per il nuovo Viadotto Polcevera a Genova

Si illustrano i criteri e le scelte che sono state adottate in una proposta a livello di progetto preliminare per adempiere in modo rigoroso e completo ai requisiti prestazionali e agli obiettivi richiesti dal Commissario per la realizzazione di nuova opera d’arte di Viadotto a scavalco della valle del Polcevera per l’autostrada A10. La nuova opera d’arte è stata progettata in prossimità del Viadotto esistente già parzialmente crollato nel tragico evento del 14/08/2018.

Ogni criterio e scelta progettuale e realizzativa della nuova opera d’arte è stato improntato a realizzare una tipologia di opera d’arte importante ma tipica nell’ambito dei viadotti autostradali in Italia (e nel mondo), ottenendo di vantaggi in termini di garanzia e affidabilità nella fase realizzativa, inserimento paesaggistico, uniformità e affidabilità nella futura gestione, perseguendo modalità esecutive che consentano un ripristino anticipato del traffico sull’autostrada A10.

Tale proposta è quindi una occasione per proporre delle innovazioni nell'adottare tipologie di materiali ad alte prestazioni, che consentano di sfruttare gli importanti avanzamenti tecnologici e normativi avvenuti negli ultimi 100 anni nel settore delle costruzioni di viadotti al fine di perseguire la massima durata e prestazioni dell’opera principale e delle sue componenti accessorie.


I criteri di costruzione dell'opera

Nel presente articolo si presentano i criteri e le scelte progettuali e costruttive che sono state valutate per adempiere in modo rigoroso e completo ai requisiti prestazionali e agli obiettivi richiesti dal Commissario per la realizzazione di nuova opera d’arte di Viadotto a scavalco della valle del Polcevera per l’autostrada A10, durante le fasi di concorso.

La nuova opera d’arte è stata localizzata in prossimità del Viadotto esistente già parzialmente crollato nel tragico evento del 14/08/2018 e che sarà oggetto di demolizione.

Ogni criterio e scelta progettuale e realizzativa della nuova opera d’arte è stato improntato ai seguenti obiettivi generali:

  • realizzare una tipologia di opera d’arte importante ma classica e frequente nell’ambito dei viadotti autostradali in Italia (e nel mondo), ottenendo di conseguenza un triplice vantaggio:
  1. garanzia e affidabilità nella fase realizzativa, at- tingendo a realtà produttive del nostro paese. Quindi con attrezzature e maestranze già disponibili e note;
  2. inserimento paesaggistico, per uniformità con simili contesti di attraversamento di valli lun- go la stessa autostrada A10 e di infrastrutture del traffico di attraversamento degli Appennini;
  3. uniformità e affidabilità nella futura gestione, dovendo estendere le modalità di manutenzione già in uso in strutture simili già in esercizio lungo la stessa infrastruttura;
  • consentire nelle modalità esecutive un ripristino anticipato del traffico sull’autostrada A10. Ricer- cando quindi una strategia di massima rapidità di costruzione:
  1. sovrapponendo, per quanto possibile, la fase di demolizione del Viadotto esistente e la costruzione del nuovo Viadotto;

  2. attivando in prima fase una carreggiata, provvi- soriamente a doppio senso di marcia, in attesa del completamento dell’intera opera.
  • adottare tipologie di materiali ad alte prestazioni, che consentano di sfruttare gli importanti avan- zamenti tecnologici e normativi avvenuti negli ul- timi 100 anni nel settore delle costruzioni di viadotti al fine di perseguire la massima durata e prestazioni dell’opera principale e delle sue componenti accessorie.

 

Il progetto ha seguito quindi i requisiti fondamentali per l'affidabilità dei lavori di costruzione:

  • sicurezza strutturale, ovvero sicurezza delle per- sone, struttura e contenuto;
  • facilità di manutenzione, cioè funzionamento, comfort ed estetica della struttura;
  • robustezza, ovvero la struttura è progettata ed ese- guita in modo tale da non essere danneggiata da eventi quali esplosioni, impatti ed errori umani, in misura sproporzionata rispetto alla causa origina- le. Gli eventi da prendere in considerazione sa- ranno quelli concordati in questo progetto con il Commissario e l'autorità competente.

Il quadro di riferimento normativo per le caratte- ristiche costruttive è il D.M. 17.02.2018 (NTC 2018) ed eventuali integrazioni con gli Eurocodici, per le costruzioni con livelli di prestazioni elevati e con metodo semi probabilistico agli stati limite.

 

Durabilità

La durabilità è perseguita come conservazione delle caratteristiche fisiche e meccaniche dei materiali e delle strutture, proprietà essenziale affinché i livelli di sicurezza vengano mantenuti durante tutta la vita dell’opera. Essa viene garantita nel progetto attra- verso la scelta dei materiali e un opportuno dimen- sionamento delle strutture, comprese le eventuali misure di protezione e manutenzione. Al fine di per- seguire una adeguata durabilità di questa nuova ope- ra, si elenca gli elementi essenziali che saranno posti all’attenzione dai proponenti:

  • I criteri di progettazione;
  • Le condizioni ambientali previste e le proprietà del terreno;
  • Composizione, proprietà e prestazioni dei materiali e dei prodotti;
  • La scelta del sistema strutturale, la forma degli elementi ed il dettaglio strutturale;
  • Qualità della lavorazione e livello di controllo;
  • Le particolari misure protettive;
  • La manutenzione prevista durante la vita utile della struttura.

 

Vita Nominale

La vita nominale dell’opera strutturale VN è intesa come il numero di anni nel quale la struttura, purché soggetta alla manutenzione ordinaria, deve potere essere usata per lo scopo al quale è destinata. Nel ca- so in esame: VN = 100 anni

La scelta della tipologia costruttiva del Viadotto

Al fine di adempiere ai requisiti e agli obiettivi generali costruttivi citati in premessa è stata scelta la seguente tipologia costruttiva.

 

... CONTINUA LA LETTURA NEL PDF ALLEGATO


La presente memoria è tratta da Italian Concrete Days - Aprile 2021

organizzati da aicap e CTE

 

SCARICA L'ARTICOLO COMPLETO IN ALLEGATO