Riparte la rivista "IIC - L'industria italiana del cemento"

23/11/2021 2826

Nata nel 1929 e pubblicata per 80 anni, riparte col numero 855.


Il primo numero dopo lo stop racconterà cosa è successo nel decennio 2010-2020

Riparte "IIC - L'industria italiana del cemento", la rivista che racconta un materiale fondamentale per la vita sociale ed economica del Paese, che ha reso e rende possibili realizzazioni straordinariamente affidabili, durevoli, innovative e belle.

Protagonista del processo di modernizzazione dell'Italia nel Novecento, il cemento è stato raccontato da "L'industria italiana del cemento" sin dal 1929. Attraverso gli 854 numeri editi fino al 2010, è stato possibile “sfogliare” la storia delle costruzioni del nostro Paese. L’edizione della ripartenza, che porta in copertina il numero 855, racconta cosa è successo nel decennio 2010-2020: le nuove sfide architettoniche, strutturali e tecnologiche affrontate con un successo da un materiale in continua evoluzione.

"La rivista riparte con un racconto di tutto quello che ci siamo persi nei numeri mancanti: perché la rivista si è fermata, ma il cemento no - commenta Tullia Iori, Direttore Scientifico della rivista -. Assolutamente no. E ci accorgiamo, sfogliando, che è ancora il materiale più incredibile della storia dell’umanità: si può declinare in mille modi, asseconda le poetiche più liriche, ma anche i linguaggi architettonici più divertenti, è plasmabile in forme impossibili, dall’uomo e oggi anche dai robot, è strutturalmente insostituibile, è nel cuore degli artisti d’avanguardia".

 

Torna ICC-L'industria italiana del cemento

 

Pur ricoprendo un ruolo centrale nella vita quotidiana, il cemento non sempre viene adeguatamente apprezzato. Molte sono le iniziative che il settore sta mettendo in campo per raccontarne le potenzialità.

«Con "L'industria italiana del cemento" vogliamo rivolgerci a un pubblico qualificato, attento agli aspetti progettuali, architettonici, estetici - aggiunge Roberto Callieri, Presidente di Federbeton - Abbiamo scelto le opere più significative degli ultimi dieci anni per mostrare le potenzialità dei nostri materiali attraverso i risultati architettonici e strutturali raggiunti. La ripresa delle pubblicazioni della rivista è parte di un progetto di comunicazione più ampio che ha l’obiettivo di mostrare il cemento sotto una luce nuova, restituendogli la dignità che merita».