Ferruccio Resta: la digitalizzazione è la grande protagonista dei nostri tempi

La pandemia le ha dato una spinta fortissima, accelerando processi già in atto da tempo. La grande rivoluzione, in campo architettonico e ingegneristico, deriva dall’uso dei dati e dall’enorme mole di informazioni che siamo in grado di raccogliere e di utilizzare.


 

Ferruccio Resta: la digitalizzazione è la grande protagonista dei nostri tempi

Ferruccio Resta: la digitalizzazione è la grande protagonista dei nostri tempi

In occasione del lancio dell'evento BIM4EEB che il prossimo 19 gennaio 2022 si terrà a Milano abbiamo intervistato il prof. Ferruccio Resta, Rettore del Politecnico di Milano, per parlare di digitalizzazione. Ecco cosa è emerso.

 


L'intervista 

Andrea Dari:

La pandemia ha portato molti settori a ripensarsi e a spingere l’accelerazione sul tema della digitalizzazione: per il mondo dell’ingegneria e dell’architettura sta avvenendo questo? Con quale velocità? 

Ferruccio Resta

La digitalizzazione è la grande protagonista dei nostri tempi.

In tutti i settori.

La pandemia le ha dato una spinta fortissima, accelerando processi già in atto da tempo. Del resto, il BIM non è una novità dell’ultima ora.

La grande rivoluzione, in campo architettonico e ingegneristico, così come in quello medico, per esempio, o in quello dei servizi, deriva dall’uso dei dati e dall’enorme mole di informazioni che siamo in grado di raccogliere e di utilizzare per sviluppare modelli di calcolo e di progettazione sempre più complessi e all’insegna dell’efficienza e della sostenibilità.

Non a caso, la trasformazione digitale e la transizione verde sono le due grandi leve del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Dobbiamo coglierne le opportunità in tempi rapidi, specialmente in ambiti come quello della riqualificazione degli edifici e del patrimonio architettonico del nostro Paese.

 

Andrea Dari:

Quale il contributo che un’istituzione universitaria storica come il Politecnico di Milano può dare a questa evoluzione? Ci sono progetti in corso che può segnalarci ? 

Ferruccio Resta

Il Politecnico di Milano è un grande luogo di sperimentazione e di ricerca.

È infatti fondamentale poter anticipare il cambiamento, anziché rincorrerlo. L’università è uno dei pochi ambiti in cui questo è concesso. Progetti come BIM4EEB, resi possibili dalla nostra capacità di acquisire fondi europei, ne sono un esempio.

Importantissima è poi la formazione su questi temi, non solo a livello curriculare, all’interno dei corsi di laurea, ma anche attraverso la formazione permanente e l’aggiornamento degli operatori del settore. Anche su questo fronte, il nostro impegno è costante, dai corsi di Master, ai MOOC, agli eventi di condivisione e di confronto. L’interazione con tra università e impresa, tra pubblico e privato è la chiave di volta.

  


La metodologia BIM per la riqualificazione energetica nell’edilizia residenziale pubblica

Il prossimo 19 gennaio 2022 si terrà a Milano il Workshop "La metodologia BIM per la riqualificazione energetica nell’edilizia residenziale pubblica: l’esperienza di HORIZON2020 - BIM4EEB”.Affrontare il cambiamento climatico e ridurre le emissioni di gas serra è una delle più importanti sfide globali, tale da collocare la decarbonizzazione dell'uso dell'energia negli edifici europei ...

LINK alla presentazione evento


 

Andrea Dari

Torniamo alla prima domanda in chiave universitaria: quale evoluzione porterà la digitalizzazione alle attività formative del Politecnico di Milano? Ci potrà essere una maggiore contaminazione tra i corsi di laurea ? Cambierà il modo di interagire con gli studenti anche in considerazione delle esperienze sviluppate come didattica innovativa in questi ultimi 2 anni di COVID? 

Ferruccio Resta

Questa risposta meriterebbe da sola più tempo e spazio di quanti non ne abbiamo in questa sede.

Mi limiterò a dire che la digitalizzazione è un vantaggio per la didattica e non un nemico. Va però usata nel giusto modo.

Mi spiego: la formazione a distanza da sola non funziona.

Lo abbiamo visto nei primi mesi della pandemia. È stato un salvagente in un mare in tempesta, tuttavia ci sono numerose attività che non possiamo relegare esclusivamente alla DAD. Pensiamo ai laboratori e alle attività di gruppo, che nell’ambito dell’architettura e dell’ingegneria ricoprono una certa importanza. Esiste poi un aspetto psicologico e sociale che non possiamo trascurare e che è fondamentale nel percorso formativo e di crescita dei nostri ragazzi chiamati sempre di più a sviluppare un sapere interdisciplinare, articolato e complesso, basato sull’interazione e sul confronto.

In alcuni casi un confronto che può avvenire a distanza grazie alle tecnologie digitali. Pensiamo al vantaggio di avere in classe, anche se virtualmente, un luminare o un grande esperto dal mondo industriale. In altri casi, non può che essere in presenza.

La didattica sta vivendo un processo di grande rinnovamento che promette di cambiare il rapporto tra studente e docente, sempre più lontano dal vecchio modello della didattica frontale. 

 


The Italian workshop - BIM4EEB

The Italian workshop will be held in presence in Milan and on line on 19.01.2022. The Italian workshop will be organized in two stages: during the morning from 9.30 a.m. to 1.30 p.m. in Milano at Palazzo Lombardia, Auditorium Testori, during the afternoon, in Monza at Via della Birona demosite.

www.bim4eeb-project.eu